condividi

Replica agli ex assessori provinciali

 Il Presidente della Provincia di Campobasso Rosario De Matteis e l'assessore ai LL.PP. e viabilitÓ Luciano Di Biase, in merito alla lettera degli ex assessori provinciali Montanaro e Cristoforo, pubblicata da alcuni organi di informazione, replicano quanto segue: "Abbiamo letto quanto due ex assessori provinciali, di cui uno anche ex vice presidente, hanno inteso dichiarare circa il nostro modo di amministrare la cosa pubblica. Ebbene, con grande meraviglia, rispediamo le accuse al mittente ricordando loro alcuni dati. Innanzitutto abbiamo ereditato una situazione drammatica legata alla viabilitÓ frutto anche di scelte commesse dalla loro gestione; un'amministrazione che in tempi di floriditÓ economica, poteva assicurare interventi a noi negati da un bilancio passato da 25 a 5 milioni di euro. In questi mesi, nonostante i tagli spaventosi, siamo riusciti a garantire i servizi che in passato venivano erogati con bilanci gonfi e spesso ricorrendo a squadre esterne. Ad onor del vero non ci appartiene la strategia del collegio come non ci appartiene la modalitÓ legata alla territorialitÓ del consigliere o assessore eletto. Ciononostante, nella trasparenza e nella correttezza che ci contraddistinguono, abbiamo sofferto, e tutti i giorni proviamo ad andare avanti, nonostante il fango e le menzogne che qualcuno tenta di lanciarci contro. E sinceramente non ce la sentiamo nemmeno di discutere o di confrontarci con coloro che hanno lasciato ricordi legati alla distribuzione di coppe e medaglie e all'acquisto di esemplari di mestoloni maschi e uccelli imbalsamati, quando, appunto, le casse lo consentivano ma forse la moralitÓ un po' meno. Pertanto, se avessimo avuto soldi in cassa e se potessimo disporli ora, offriremmo servizi pi¨ adeguati alla collettivitÓ; cose che abbiamo detto, ridetto in conferenze stampa, lettere a prefetto, presidi e sindaci. Alla luce di quanto esposto, non abbiamo nulla da rimproverarci se non la malinconia di rispondere ad ex amministratori che pare vivano su Marte e la mortificazione politica di non poter avere quel minimo in grado di garantire i servizi essenziali sulle strade, come per altre materie. A tutto ci˛ potremo rimediare se magari, gli amici degli ex assessori, ora in Regione come in Parlamento, ci daranno i fondi necessari".

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO