1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. Mappa del sito
  2. Homepage

Contenuto della pagina

Presidente

BATTISTA Antonio

BATTISTA Antonio
BATTISTA Antonio

Informazioni
Proclamato eletto alla carica di Presidente della Provincia in data 01.09.2016 a seguito delle consultazioni elettorali del 31 agosto 2016
Indirizzo
Via Roma, 47 - 86100 Campobasso
Telefono
+39.0874.401.224
Fax
+39 0874.411.976
Indirizzo di posta elettronica
presidente.battista@provincia.campobasso.it

 

Documenti

 

LE FUNZIONI DEL PRESIDENTE (art. 9 dello Statuto)

1 Il Presidente della Provincia sovrintende al funzionamento dei servizi e degli uffici, all'esecuzione degli atti, nonché all'espletamento delle funzioni statali e regionali attribuite o delegate alla Provincia ed esercita tutte le altre funzioni attribuitegli dalla legge, dallo Statuto o dai regolamenti che non rientrano nelle funzioni di gestione assegnate ai dirigenti o riservate alla competenza del Consiglio provinciale e dell'Assemblea dei sindaci.
2 Nell'esercizio delle competenze di cui al comma precedente, il Presidente, in particolare:
a) coordina, anche tramite l'emanazione di direttive politiche e amministrative, l'attività dei consiglieri delegati, che lo informano di ogni iniziativa che possa influire sull'attività politico amministrativa dell'ente;
b) svolge attività propulsiva nei confronti del Direttore generale, ove nominato, e dei dirigenti, anche indicando obiettivi e attività necessarie per la realizzazione dei  programmi della Provincia ed emanando direttive;
c) promuove e resiste alle liti ed esercita il potere di conciliare e transigere nelle controversie riguardanti l'amministrazione;
d) propone al Consiglio gli schemi di bilancio e le relative variazioni nonché il regolamento degli uffici e dei servizi;
e) sulla base degli indirizzi stabiliti dal Consiglio, nomina, designa e revoca i rappresentanti della Provincia negli enti, aziende, consorzi, istituzioni, società ed organismi partecipati, o comunque rispetto ai quali alla Provincia è conferito il potere di nomina nei rispettivi organi di direzione, deliberativi e di controllo;
f) fatte salve le competenze del Consiglio provinciale, stipula con altri enti convenzioni, intese, accordi o protocolli comunque denominati per lo svolgimento, in modo coordinato o associato, di funzioni e servizi ovvero per l'avvalimento di strutture della Provincia; promuove e approva gli accordi di programma ai sensi di legge;
g) può delegare la rappresentanza della Provincia in enti, associazioni e organismi al Vicepresidente della Provincia e ai consiglieri delegati;
h) nomina i dirigenti, attribuisce e definisce gli incarichi dirigenziali, secondo le modalità e i criteri stabiliti dalla legge e dai regolamenti provinciali;
i) nomina il Nucleo di Valutazione e nomina e revoca il Segretario generale e il Direttore generale;
j) conferisce delega ai dirigenti relativamente alla partecipazione alle conferenze istituzionali;
k) autorizza la presenza del gonfalone alle cerimonie pubbliche e l'uso dello stemma della Provincia.
3 Inoltre provvede:
a) all'approvazione dei progetti preliminari dei lavori pubblici;
b) agli atti di definizione degli obiettivi non individuati dettagliatamente nei documenti di programmazione;
c) all'approvazione degli schemi di accordi, convenzioni e protocolli d'intesa afferenti all'esercizio della potestà di indirizzo politico‐amministrativo, relativi a programmi ed interventi previsti negli strumenti di programmazione provinciale;
d) all'autorizzazione alla sottoscrizione dei contratti decentrati e degli accordi sindacali concernenti il personale provinciale.
4 Il Presidente della Provincia può in ogni caso sottoporre all'adozione o all'approvazione del Consiglio provinciale ogni altro atto che ritenga opportuno, acquisiti i pareri di cui all'art. 22, se dovuti.
5 Il Presidente della Provincia assume i propri atti nella forma del decreto che viene pubblicato all'Albo pretorio dell'Ente per quindici giorni consecutivi e diviene esecutivo dopo dieci giorni dalla sua pubblicazione. Il Presidente può dichiarare il decreto immediatamente eseguibile.
6 Il decreto è adottato sulla base di una proposta formulata e sottoscritta dal dirigente competente o dal responsabile del procedimento individuato ai sensi della Legge n. 241/1990. Su ogni proposta di decreto, che non sia mero atto di indirizzo politico o amministrativo, devono essere richiesti ed inseriti nel decreto, quale parte integrante e sostanziale, il parere in ordine alla regolarità tecnica, rilasciato dal responsabile della struttura interessato, ed il parere alla regolarità contabile ed ai riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico‐finanziaria o sul patrimonio dell'Ente, rilasciato dal responsabile della struttura finanziaria.