condividi

Il Presidente De Matteis replica all'ACEM

In merito al comunicato stampa diramato ieri dal presidentedell'Acem Molise Corrado Di Niro, il presidente della Provincia di CampobassoRosario De Matteis, sentita la struttura dell'ente, replica quanto segue: "Hafatto molto bene la stampa a mettere in luce le problematiche relative agliappalti, alla competitivitÓ delle imprese molisane e sugli importi delle garestesse. Sono grato agli organi di informazione che ebbero ad evidenziare giÓ datempo, come la Provincia di Campobasso fosse intervenuta immediatamente nellapredisposizione della Centrale Unica appaltante. Ora per˛ ringrazio sin dasubito gli organi di informazione che metteranno in evidenza la realtÓ dell'edilizia,aprendo un utile contraddittorio sull'analisi che sin da ora io sono pronto adiscutere con tutte le controparti.Atal riguardo mi sembra fondamentale tracciare alcuni elementi positivi, nonevidenziati nÚ considerati dall'Acem:
1)Ilrispetto totale del termine del 30/06 per non perdere i finanziamenti dellaRegione assegnati con forte ritardo (marzo 2016).
2)Nessunfinanziamento Ŕ andato perso, con evidenti innegabili benefici sia in terminedi ripristino di condizioni di sicurezza delle strade interessate e sia intermini di ricaduta economica sul territorio, diretta ed indiretta.
3) Sono state espletate negli ultimi quattromesi circa 50 gare, con personale ridotto al 50% dalla legge Delrio, con grandesforzo ed abnegazione di tutti e per questo ringrazio la mia struttura.
4) Le imprese molisane si sono aggiudicate il 50% delle gareespletate in questi mesi ed il 60% degli importi messi a finanziamento deilavori.
5) E' naturale che, indirettamente, il territorioprovinciale godrÓ di benefici innegabili anche con riferimento alle tantecriticate sulle aggiudicazioni "esterne", dal momento che le imprese"di fuori" dovranno, immagino, riferirsi ad aziende locali magari perapprovvigionamento dei beni, servizi e forse anche personale. Non si comprendequindi questa totale disapprovazione.
5) Da ultimo, ma non ultimo, la Provincia, in questo momentodi forte impegno, ha dovuto affrontare anche l'abrogazione del vecchio codicesostituito dal nuovo, a partire dal 20 aprile, in piena campagna di lavoro. Quindial lavoro connesso alle gare si Ŕ aggiunto anche quello relativo allarivisitazione dei documenti di gara, a nuove procedure.... Di tutto questo noinon abbiamo inteso incensarci, ma abbiamo lavorato senza proclami, ma badandoai fatti. Evidentemente la politica del fare ottiene meno consensi rispettoalla realtÓ dei fatti, stato di cose che lascio volentieri commentare a voi inbase all'allegato che potete consultare. Ovviamente - conclude il presidente - ilconfronto Ŕ aperto, sempre e come sempre, con le associazioni di categoria. LaProvincia Ŕ disponibile a migliorare il sistema, nei limiti dei principi delCodice e tenuto conto delle strutture a disposizione, senza sognare percorsiimpossibili da praticare.




Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO