condividi

Cosib, il Tar dà ragione alla Provincia di Campobasso

Rigettata l'istanza di sospensiva proposta dal consorzio

 

Campobasso |11-03-2011


 
Consorzio industriale Biferno
Una veduta del Cosib

Il Tar del Molise ha rigettato l'istanza di sospensiva proposta dal Cosib per motivi aggiunti al precedente ricorso 191/2009 che lo stesso Consorzio aveva presentato contro il provvedimento della Provincia di Campobasso che aveva qualificato lo scarico delle acque reflue industriali trattate dal depuratore consortile come scarico in corpo idrico superficiale artificiale e non giÓ come scarico a mare.
Tale provvedimento era motivato, in realtÓ, dal fatto che lo scarico avveniva appunto nei canali di bonifica, a partire da circa quattro chilometri di distanza dal mare in una zona caratterizzata dalla presenza di una ricca fauna ittica d'acqua dolce e di altre specie viventi stabilmente nei canali stessi, che venivano messe seriamente a rischio dagli sversamenti in grado di determinare l'alterazione e la fuoriuscita dai limiti consentiti dalla legge dei valori dei solfati e cloruri presenti in essi.
E' opportuno ricordare, infatti, che i limiti di emissione per i cloruri e i solfati non valgono per lo scarico a mare in quanto essi sono presenti naturalmente nelle acque marine in elevate concentrazioni. Va anche evidenziato che l'ultimo tratto della rete consortile si sviluppa in prossimitÓ di numerose abitazioni civili e si inoltra, per oltre ottocento metri, all'interno del sito di importanza comunitaria "Foce Biferno - Litorale di Campomarino" e della zona di protezione speciale "Lago di Guardialfiera - Foce fiume Biferno".
Va sottolineato, inoltre, che proprio lo scarico del depuratore nei corpi idrici superficiali ha costituito uno dei filoni di indagine che lo scorso mese di dicembre 2010 ha portato all'emissione da parte dell'AutoritÓ giudiziaria di diversi provvedimenti restrittivi nell'inchiesta "Open gates" che hanno interessato l'ex commissario del Cosib Del Torto e alcuni tecnici.
Sul provvedimento del Tar il Presidente D'Ascanio ha dichiarato:
"Pronunciamenti come questi rafforzano non solo il senso del pi¨ alto rispetto per l'operato degli Organi giurisdizionali, ma anche l'azione trasparente e qualificata dell'Amministrazione provinciale e dei suoi funzionari in un settore, quale quello ambientale, ad alta sensibilitÓ nei processi di sviluppo sostenibile e sempre pi¨ minacciato da atti irresponsabili che privilegiano interessi e profitti particolari rispetto alle istanze di valore sociale e culturale. Posso solo dire che continueremo con coerenza e puntualitÓ a vigilare, prevenire e sanzionare tutte le azioni che mettono in forse gli equilibri ambientali e i livelli di vivibilitÓ nell'unico interesse della collettivitÓ amministrata".

 



Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO