condividi

Migranti: occorre superare i modelli d'accoglienza adottati sino ad ora

Il presidente della Provincia alla riunione dell'Upi

 

Campobasso 15 aprile 2011


 
Il presidente D'Ascanio alla riunione dell'Upi
Migranti, D'Ascanio: una nuova cultura dell'accoglienza

E' stato uno dei primi rappresentanti delle Istituzioni a recarsi nel campo allestito dalla Protezione Civile a Campochiaro, una struttura temporanea destinata all'accoglienza dei profughi. Il presidente Nicola D'Ascanio, nella sua qualità di componente dell'Ufficio di presidenza dell'Upi (Unione Province Italiane) ha poi preso parte ieri alla riunione romana destinata proprio ad affrontare il complesso e delicato tema.
"Occorrono percorsi logistici e sociali che consentano agli immigrati ospiti del Molise e del Paese di uscire da questa fase emergenziale di prima accoglienza e avviino un percorso graduale di inclusione sociale - ha spiegato il vertice di Palazzo Magno di ritorno da Roma - l'accordo siglato nell'apposita cabina di regia a livello nazionale tra Governo, Regioni, Province e Comuni ha tracciato un percorso che prevede la concertazione istituzionale quale metodo per affontare l'emergenza profughi superando i modelli di accoglienza sino ad ora attuati. Oltre alla reale e fattiva concertazione richiesta e ottenuta dall'Upi, a livello nazionale, occorre che ci sia a livello regionale un vero e organico piano di interventi che sia elaborato dal sistema istituzionale ed associativo presente nella nostra realtà al fine di raccogliere le disponibilità già espresse dal territorio ed individuare percorsi che conducano oltre la fase emergenziale caratterizzata da riferimenti prevalentemente aritmetici".
Il presidente guarda oltre l'attualità del momento e disegna scenari d'accoglienza.
"Un passo necessario anche per meglio prepararci ad affrontare un fenomeno che sappiamo non essersi concluso e che richiede alle Istituzioni locali e alla nostra comunità un ulteriore sforzo di solidarietà che dobbiamo saper corrispondere".
E proprio in queste ore l'Unione Province Italiane invierà una nota a tutte le Regioni d'Italia.


 

 

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO